Alpini di Crognaleto

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

a L'Aquila ferita

E-mail Stampa PDF

 

 

                                                                    A L’AQUILA FERITA

                                                                       “O città che grandeggi pel tuo nome


                                                                      Aquila che non sai piccolo volo
                                                                      e l’ali stendi tra due cime bianche
                                                                      del Gran Sasso canuto e la Maiella !”...
                                                                               Or piangi commossa tutti i tuoi figli
                                                                               ghermiti da la terra nella notte
                                                                               tante le bare tra le rose e gigli.
                                                                      Il Pastore commosso dice messa
                                                                      pace invocando per i suoi caduti:
                                                                      suonano i bronzi con la voce fessa.
                                                                               E’ un richiamo che va di vetta in vetta:
                                                                               l’ascolta Fossa, Onna e Paganica,
                                                                               Collemaggio e l’ultima chiesetta.
                                                                      E’ come l’adunata degli alpini
                                                                      addormentati nell’eterna pace
                                                                      caduti per difendere i confini.
                                                                               O cime del Gran Sasso, orsù parlate !
                                                                               Voi che vedeste tanti figli in armi,
                                                                               la martoriata terra consolate !
                                                                      Perché piangete o monti della LAGA ?
                                                                      “Il nostro amico LUCIO in solitaria
                                                                      tra i nostri sentieri più non vaga !”
                                                                               Quando al tramonto la campana tace,
                                                                               veglia il Pastore accanto al proprio gregge:
                                                                               ogni caduto torni a la sua pace.

                                                                                                    Don Luigi Aquilini
(Parroco di San Martino, fraz. Di Amatrice)
1° MAGGIO 2009 CON GLI ALPINI DEDICATO AI MORTI DEL TERREMOTO DELL’AQUILA

NOTA: i versi

                       "Perché piangete monti della LAGA?
                        Il nostro amico LUCIO in solitaria
                        tra i nostri sentieri più non vaga"
 
si riferiscono al Capitano degli Alpini Achille Lucio Berardi, originario di Amatrice.
Achille Lucio Berardi  partì giovanissimo, come volontario, dall'Aquila, per partecipare alla   2^ Guerra Mondiale.  Fu iscritto alla Scuola Militare Alpina di Aosta. Col grado di sottotenente  fu inviato al fronte. Guerreggiò prima in Montenegro,  poi in Francia.
 
 
L'8 settembre del '43 fu fatto prigioniero dai tedeschi con tutti i suoi soldati. 
Dopo due giorni di prigionia, nei  quali tutti i prigionieri erano percossi brutalmente  in continuazione e tenuti adigiuno, Achille Lucio e due compagni decisero di evadere.
Un compagno fu scoperto nella fuga e fu ucciso.  Achille Lucio e l'altro compagno tentarono la fuga dal lato opposto: anche il secondo compagno, mentre scavalcava il muro recinzione, fu raggiunto  raffiche di mitra e morì.  Achille Lucio Bernardi fu raggiunto soltanto da schegge di  bombe a mano, ma - leggermente ferito - riuscì a fuggire.
A piedi - e con tutte le difficoltà immaginabili - partì dalla Francia, scavalcò le Alpi e raggiunse la città dell'Aquila. 
Il 6 aprile 2009 Achille Lucio Berardi moriva a causa del sisma che ha distrutto totalmente la sua casa e tutti i Suoi cari ricordi. 
 
Queste notizie mi sono state inviate dal figlio Camillo, che mi ha anche inviato in bellissimo componimento musicale.
 
 
 

 

 
Sviluppato dal Network:
linformatico - realizzazione siti web e portali web - consulenza informatica - assistenza tecnica computer - Dott. Daniele Cianci Viale F.Crispi 113 Teramo